Ogliastra, regno del Cannonau

L’Ogliastra è considerata una delle zone più belle e suggestive di tutta la Sardegna, per la sua storia, la sua archeologia ma soprattutto per la varietà delle sue bellezze naturali. Il suo territorio si estende dal massiccio del Gennargentu al mare, nella parte centrorientale dell’isola, consentendo al visitatore di ritrovarsi in poco tempo in montagna o in una splendida spiaggia.
Il territorio è stato abitato sin dalla preistoria e numerosi reperti archeologici ne sono la testimonianza, dai tanti complessi nuragici, alle domus de janas e ai diversi menhir; ma l’Ogliastra è popolato anche da svariati monumenti di epoche più recenti come il Castello di Medusa e le Torri di San Miguel a Tortolì e di San Giovanni a Tertenia, tutti del periodo giudicale ossia dal IX ed il XV secolo.
Dal punto di vista naturalistico l’Ogliastra è semplicemente fantastico, potendo vantare alcune delle aree naturali tra le più belle dell’isola e del mondo intero. Tra queste segnaliamo senz’altro le spiagge, nessuna esclusa. Da quelle che degradano dalla costa di Baunei come Cala Mariolu o Cala Sisine, al Lido di Orrì fino ad arrivare alle spiagge di Sarrala nei pressi di Tertenia, lo spettacolo è assicurato.
All’interno, la montagna regala paesaggi mozzafiato come la Gola di Gorropu o Perda Liana o boschi di Selene e di Santa Barbara, con la possibilità di effettuare escursioni e trekking incredibili e di visitare luoghi ancora pressochè incontaminati.

Ma parliamo di vino, vitigni e di cantine. L’Ogliastra è il regno incontrastato del vitigno autoctono più conosciuto della Sardegna, il cannonau.

Si riteneva infatti che fosse stato importato dalla Spagna, ma recenti studi e scoperte hanno dimostrato che questo vitigno è autoctono al 100%; e non solo, ma è anche il più antico di tutto il mediterraneo. Nel clima e nei terreni d’Ogliastra il cannonau trova la sua natural collocazione, permettendo a tante aziende vitivinicole locali di produrre ottimi vini e di affermarsi sui mercati nazionali ed internazionali. Tra queste le più conosciute sono senza dubbio le due cantine sociali di Antichi Poderi Jerzu e Ogliastra (con sede a Tortoli), che grazie all’intervento di enologi qualificati e una maggiore attenzione al marketing, stanno diventando importanti realtà nel mondo vitivinicolo, presentando sul mercato prodotti sempre nuovi, di alta qualità e dal packaging sempre più accattivante.

ANTICHI PODERI DI JERZU

è oggi una cooperativa con 430 soci viticoltori, che ha saputo coniugare la qualità con la specificità del suo territorio. Oggi, Antichi poderi Jerzu si presenta con una gamma di prodotti ed un’immagine rinnovate, in linea con i gusti del momento, ma lo ha fatto senza snaturare in alcun modo la sua identità.

Anche la CANTINA OGLIASTRA sta lavorando continuamente per migliorare i propri, soprattutto dal punto di vista della comunicazione e del marketing, con nuove etichette e a breve anche con un restyling del proprio sito internet. E’ una cantina ormai affermata ma con delle potenzialità enormi, in quanto, oltre alla qualità dei suoi vini, ha sede a Tortoli, la città più popolosa del territorio, che da sempre è quella a maggiore vocazione turistica di tutta l’Ogliastra.

Altre realtà interessanti, più piccole ma non inferiori dal punto di vista qualitativo, stanno nascendo ogni anno nel territorio, grazie soprattutto ai privati che decidono di imbottigliare il proprio vino, etichettandolo e presentandolo sul mercato anche con pochi mezzi finanziari a disposizione.

E’ il caso per esempio della Vigna de’ Luceri, piccola realtà di Loceri che produce vini di altissima qualità presenti oggi in tanti negozi e locali della Sardegna grazie soprattutto alla straordinaria volontà del produttore che gira personalmente tutta l’isola per vendere le proprie bottiglie.

Per oggi è tutto dai territori, ci ritroviamo a breve per parlare di Sassari, Alghero, regno incontrastato del Cagnulari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *